Belli addormentati

Il Cardinale Martini rifiuta l’accanimento terapeutico, per ironia della sorte (le vie del signore sai) proprio mentre al Festival del Cinema di Venezia  Marco Bellocchio presenta la sua Bella Addormentata, film ispirato ai fatti di Eluana Englaro. E allora, allora forse è segno che  temi come accanimento terapeutico e fine vita devono rientrare con forza nel dibattito, ancor di più ora che ci avviciniamo al periodo elettorale, per capire (e me lo chiedo) come e quanto di tutto questo verrà trattato e fatto rientrare in agenda perché noi vada come vada, come scrive Alessandro Capriccioli in un suo post, saremo sempre qui a ricordarvelo.

#Fioroni dei miei c…

Che il testamento biologico e una legge che tuteli le coppie di fatto (e non solo Gay come pensano alcuni) non siano una priorità è tutto da vedere, e probabilmente non lo sono solo nella testa di Fioroni e qualche altro amante del cilicio. Per quanto mi riguarda sottolinea ulteriormente la necessità di valutare con estrema attenzione eventuali alleanze con forze cosiddette “moderate”. Che poi Fioroni ponga la sua possibile candidatura a mo’ di minaccia dovrebbe portare a considerare come forse sarebbe ora di far pulizia nel PD.

Sul fine vita

Certamente questo studio riportato oggi dal corriere entrerà con forza nella dura discussione sul fine vita in atto in Italia anche grazie al caso Englaro, magari rimettendo in discussione alcune posizioni. Staremo a vedere come gli uni e gli altri tenteranno di cavalcare l’onda.

I cittadini, il dibattito e la politica

Sono molto curioso di vedere cosa succederà poi. Dopo i decreti, gli scavallamenti costituzionali, i toni alti, le polemiche, il dibattito, cosa succederà?

Perché può anche sembrare ai più una domanda banale, ma ne siamo sicuri? Se si voleva spezzare, nuovamente, il paese in due allora il risultato è stato centrato in pieno.

Tutto si zittirà nuovamente come se nulla fosse successo, come solitamente accade qui da noi? O si comincerà a prendere seriamente atto che così non si può andare avanti? Perché volenti o nolenti il dibattito deve essere pubblico e sociale prima ancora che questo sia delegato alla politica. O il rischio è che questa, lasciata libera, lavori nuovamente per creare fratture nel paese. Già ne abbiamo tante senza doverne aggiungere altre. Tendiamo sempre a scatenarci, a scannarci sulla base di quello che la politica decide, mentre invece dovrebbe essere il contrario. Dovrebbe essere la politica che si muove sulle basi di ciò che i cittadini chiedono, decidono.

Adesso Basta! Stanno esagerando

Eluana puo’ avere ancora figli

Rasentiamo la follia con questa affermazione davvero poco signorile e umana. Che determina la bassezza di certuni. Sinceramente non ho parole. Indignato. Non pensavo si sarebbe arrivati a tanto. La speranza mia è che la clinica di Udine vada avanti nonostante tutto, fregandosene, permettetemi, dei decreti e decretini.

Qui pare che tutti vogliano decidere per Eluana e suo Padre. Aveva detto che avrebbe fatto tutto nella legalità. Ma quando è lo stato il primo oppositore di questa legalità? Quando è il Governo ad andare contro la giustizia, le sentenze, il volere di un proprio cittadino, cosa si deve fare? Gli unici che gongolano per ora stanno in Vaticano. Berlusconi preme, quasi minaccia il capo dello stato, poi “invita” i suoi a votare o a dimettersi. Vaneggia di cambi di costituzione e via dicendo, Sacconi intanto ha già mandato gli ispettori ad Udine. Fatto presto il signor ministro. E se dovesse bloccarsi tutto nuovamente? Tra una cosa e l’altra passerebbero altri due mesi. In tutto questo il PD tace. Adesso basta però. Gli atteggiamenti del governo sono tutt’altro che democratici in questo momento, la civiltà è andata a farsi benedire. evviva L’Italia!

Napolitano però non ha firmato il decreto a quanto pare.  Una nota Lieta almeno.