La matematica non è un’opinione, i rifiuti neppure

Volevo solo ricordare che Berlusconi, 15 giorni fa, aveva dichiarato che in 10 giorni l’emergenza rifiuti a Napoli sarebbe rientrata.

Annunci

Emergenza rifiuti, Berlusconi: do la soluzione

Per l’emergenza rifiuti a Napoli Berlusconi ha detto che la soluzione arriverà in dieci giorni: il tempo di preparare i bagagli, fare i biglietti e partire per Antigua, naturalmente in punta di piedi (o di tacchi).

Sandro Ruotolo minacciato di morte. L’Italia Tesa

Dopo tutto, dopo le polemiche, le proteste , la piazza, ci mancava anche questa notizia che vede il giornalista Sandro Ruotolo ricevere una lettera con minacce di morte. Ora è inutile ribadire che nei confronti della stampa, come in quelli di molte altre realtà, in Italia si è venuto a formare un clima di tensione. Visionare la prima pagina di oggi de La Padania ad esempio. Le responsabilità decidetele voi. L’informazione fatta bene, nel caso di Ruotolo, è sempre scomoda. Deve esserlo. Si sta continuando ad alimentare più micce su più fronti in maniera del tutto irresponsabile. E prima o poi una di queste sfuggirà prima che sia possibile spegnerla. E’ andata bene una volta, nel caso dei campi nomadi a Ponticelli (Na) e in altre zone della provincia partenopea. Nessuno rimase ferito durante gli assalti con spranghe e bastoni e nei roghi appiccati dalla popolazione locale a tende e baracche. Anche in quel caso già da tempo le tensioni erano palpabili nell’aria e non si fece altro che soffiare sulla miccia. Voi direte che sono due cose diverse. Ma siamo sicuri? Perché se si fa tanto di dare un alibi, una giustificazione, poi certa gente più o meno esperta nel ramo punizioni potrebbe benissimo approfittarne.

(vediamo anche in giornata come si concluderà la decisione della corte costituzionale sul Lodo Alfano)

Napoli aveva un problema, Silvio anche…

Giusto in questi giorni, vedendo lo spot sull’operato del governo nella questione rifiuti Napoletani, mi dicevo che davvero non c’è nemmeno il tentativo di preservare un minimo di pudore. E’ vero che dal centro città i rifiuti sono stati tolti, ma da quei giorni ad oggi ci sono stati fior fior di servizi televisivi e articoli di giornale che facevano notare come in realtà il problema monnezza non fosse stato risolto al 100%. Anzi, nella periferia partenopea e in altre zone campane svariati mesi dopo la situazione non era ancora delle migliori mi par di capire.  Poi oggi intercetto questo video, e che sorpresa…

Il pres del cons infine è riuscito anche a sistemare la signorina Russo, quella della telefonata con Saccà. Probabilmente vivo sulla Luna, io quello spot l’ho visto per la prima volta tre o quattro giorni fa, e di certo non mi ero accorto di nulla. Va beh, sembra uno spot a lieto fine. Napoli aveva un problema, il pattume, Silvio pure, sistemare la Russo e la Manna. Il primo è “sparito” da Napoli?! E la seconda è comparsa nello spot che annuncia la sparizione del primo. Arzigogolata come cosa, ma di sicuro effetto se ci pensate.

La prima Clandestina denunciata in ospedale

La legge non è ancora stata approvata e già giunge la notizia di una prima segnalazione in uno ospedale ai danni di una clandestina, posizione resa tale dalla lentezza burocratica dal momento che è in attesa via tribunali del suo asilo politico. E sono sincero, già le palle mi girano così, solo a leggerla. Primo perché la legge come scrivevo non è passata, quindi in ogni caso i medici avrebbero agito in maniera a loro non consentita, totalmente antietica, secondo perché è la riprova di quello che una norma del genere può provocare. Nemmeno due giorni dal parto e viene divisa dal figlio con stupide scuse, in realtà solo in attesa degli accertamenti. Ora, lo so pure io che non è che sia proprio il caso di dividere una madre dal figlio mai, figuriamoci nei giorni immediatamente successivi al parto. E non importa dei sensi di qualche cappero di articolo 250 del Codice Civile. Stiamo scherzando? E se poi queste decidono di partorire fuori dalle strutture sanitarie per paura di denunce, mettendo a rischio la loro salute e quella del figlio con conseguenze che potrebbero essere gravissime? Ma vorrei sapere da quale testa di minchia fusa nell’emmental andato a male è venuta fuori questa cacchio di Idea. Rendiamoci conto già da questo caso, prima che sia tardi, che cosa potrebbe provocare una cosa del genere. La gente che partorisce, è il caso di dirlo, certe idee andrebbe messa in pubblica piazza a chiappe al vento e poi fustigata con elastiche canne di bambù, loro e i medici che si adegueranno. E il mio non è incitamento alla violenza, ma l’atto estremo per riportarli alla ragione. Che ve lo dico io.

00:39 – 03/04/09 Update: anche dopo tutto il caos mediatico che si è scatenato sulla vicenda è stato finalmente consegnato l’asilo politico alla  donna Ivoriana