#G8 di Genova, domani ultimo atto. La Cassazione si esprimerà sulle 10 “tute nere”

Potremmo definirlo come il secondo e conclusivo atto delle vicende processuali legate ai fatti del G8 di Genova, che dopo la condanna della Cassazione, emessa il 5 luglio, per i vertici della polizia (e la prescrizione per le condanne per le lesioni degli agenti) per i fatti, ma chiamiamolo massacro, della Diaz, domani vedrà sempre la Cassazione esprimersi sui 10 “black Block” (ma quelli veri erano probabilmente già lontani mentre la polizia picchiava duro nella Diaz) andati a processo. Sono accusati per i disordini e i danneggiamenti verso beni privati e pubblici. Insomma devastazione e saccheggio.

E’ vero, si sono macchiati di reati contro beni pubblici o privati, e probabilmente qualcosa dovranno pure pagarlo, ed è giusto. Ma teniamo a mente che non hanno ucciso nessuno a colpi di pistola, non hanno massacrato nessuno a colpi di manganello, non hanno falsificato prove per non andare in galera. Insomma, non sono santi ma nemmeno mostri. E soprattutto non erano solo loro, non possono, non dovrebbero pagare per tutti.

Intanto la campagna «10×100. Genova non è finita. Dieci, nessuno, trecentomila» ha raccolto 25mila firme. La campagna, che vede tra i firmatari Margherita Hack, Elio Germano, Erri De Luca, Curzio Maltese ed altri si batte perché venga annullata la sentenza di appello pronunciata il 9 ottobre del 2009.

Domani sapremo quale sarà il verdetto.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...