L’Italia dei diritti Respinti


Respinti, come i loro diritti. Si riassume così la politica estera in fatto di migranti dei Governi Berlusconi. Come bestie, li abbiamo trattati. E dire che era stato detto. Le misure in materia di immigrazione messe in piedi dal governo Berlusconi erano illegali e ancor più immorali, a partire dalla Bossi-Fini. Ma non ci voleva un esperto per capirlo. Una società matura avrebbe dovuto protestare con tutta la voce a disposizione, anzi, avrebbe dovuto Respingere. Avrebbe dovuto, appunto. Nella sanzione della Corte Europea vengono chiamati in causa i respingimenti, nello specifico il caso del 6 maggio 2009 quando 200 migranti vennero fermati in acque internazionali e riaccompagnati vero le coste libiche. Di questi 200 solo 24 sono stati rintracciati, di cui 22 idonei all’assistenza da parte del Cir (consiglio italiano per i rifugiati), avendo quindi la possibilità di avviare una azione legale che oggi porta alla sentenza e all’imposizione del risarcimento. Questo vuole dire che, probabilmente, ci sono stati 176 migranti non altrettanto fortunati. Oggi con questa decisione di fatto la Corte Europea segna sulla fedina penale Italiana un reato gravissimo, la violazione dell’articolo 3 della carta dei diritti fondamentali dell’uomo a cui si conforma anche l’Unione Europea, e che cita:

Articolo 3 – Divieto di tortura

Nessuno può essere sottoposto a tortura né a pene o trattamento inumani o degradanti.

Poi ci sarebbe anche il discorso dei Cpt (o Cie). Insomma, quelle strutture in cui i clandestini venivano costretti a detenzione per un reato, quello di clandestinità, che è stato solo il frutto della follia xenofoba della classe politica di centrodestra. In un paese sensato dovrebbero essere presi coloro che hanno messo in piedi queste norme e portati davanti ad una giustizia che ne valuti le eventuali violazioni conto i diritti umani. Perché di questo si tratta.

Oggi non è comunque solo una sconfitta per l’italia, ma una vittoria per i diritti, che anche se con lungaggini e trafile burocratiche, vengono riconosciuti. E un paese come il nostro, dove i temi dell’integrazione, dei diritti e delle libertà, anche personali (e sessuali), sono ancora fonte di asprissimo dibattito dovrebbe trarre spinta per imboccare una strada che guardi con coraggio al futuro.

L’immagine è presa da questo post, di cui vi consiglio anche la lettura. E’ datato 31 gennaio 2011, e parla proprio di questo, di come già dal 27 gennaio 2011 l’Italia fosse stata messa sotto accusa dalla corte europea, proprio per le sue leggi in materia di immigrazione.

Per approfondire i temi in materia di diritti di cittadinanza vi consiglio invece la lettura di questo sito: Progetto Melting Pot Europa

Annunci

2 thoughts on “L’Italia dei diritti Respinti

  1. Pingback: L’Italia dei diritti sospesi in aria | Gli Appunti del Paz83

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...