Stroncati anche alla Biennale nel segno di Sgarbi

Nelle ultime ore sul fronte della stampa estera l’ha fatta da padrone l’ennesimo articolo dell’Economist – ma chi vi scrive è d’accordo su quasi tutto, forse un po’ meno sulla troppa supponenza degli inglesi – contro Berlusconi e la sua incapacità a governare. In secondo piano è invece finito un’altro articolo, sempre proveniente dalla stampa inglese. Questa volta è il Guardian che in un articolo reportage di Adrian Searle stronca alla grande il padiglione italiano (made in Sgarbi) alla Biennale di Venezia:

There are those who think this sort of thing is sick. “Art has become a hospital,” writes Vittorio Sgarbi, the commissioner of the nearby Italian Pavilion, “not visited by healthy people except by chance.” Inside his pavilion there is more nonsensical slag: Sgarbi, a maverick critic and TV personality who hates most contemporary art, has invited leading Italian writers and intellectuals, Dario Fo and Giorgio Agamben among them, to select the works. Boorishly provocative, the resulting show is full of horrible, kitschy things, appallingly installed; with its cliched sentiments and rubbishy populism, it is like a tour of Silvio Berlusconi’s brain.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...