Diritto di difesa

L’Espresso ci dice che Renato Schifani ha difeso Giovanni Bontate in sede processuale. Ora, Schifani era avvocato, a Palermo, Bontate Mafioso, a Palermo. Schifani era un legale e Bontate un imputato: un avvocato difende un imputato, perché così funziona, e l’imputato, anche se mafioso, può scegliere l’avvocato che più lo aggrada. Tutto sommato, il diritto alla difesa, rientra di fatto tra i diritti riconosciuti all’imputato/indagato, in quella definita democrazia ed è previsto dalla legge. Non ci vedo nulla di strano. Che poi Schifani non lo abbia fatto presente e che sia venuto fuori dalla voce del pentito Spatuzza è questione che verrà accertata.

Per il resto condivido in pieno il pensiero di Francesco Costa.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...