Alla prima spada sguainata

Ultimamente ho quasi la sensazione che con “moderato” si intenda quasi una bestemmia. Oggi devi essere iper-militante, in un verso o nell’altro. Duro e puro, perché la chiamata alla battaglia può arrivare da un momento all’altro e tu devi tenerti pronto: si signore, agli ordini signore, comandi signore, porgo pure un po’ di culo signore. Il militante idealista, emancipato, reazionario, sempre nel giusto, purché il giusto sia il suo, che non guarda in faccia a nessuno perché dalla sua posizione vede solo il deretano, se va bene la schiena, di chi gli sta davanti e lo precede eccitato e pronto anch’esso a scagliarsi contro, non importa chi o cosa, l’importante è andare contro, lanciarsi in battaglia al segnale della prima spada sguainata. E ancor meno importa a quali calzoni sia affibbiato il fodero di quella spada. Trent’anni dopo potrà sempre dire: ci eravamo sbagliati, è stata tutta un’illusione, errare è umano. Ancora.

Annunci

3 thoughts on “Alla prima spada sguainata

  1. Confesso che la parola “moderato” mi è sempre piaciuta poco, soprattutto perché sfugge a definizioni precise e io sono una che crede nell’importanza dei significati. Chi è il moderato, in realtà? Un pacioso? Qualcuno che non vuole sbattersi troppo? Un indeciso?
    Per mia deformazione personale, questa parola ha quasi sempre avuto un’accezione negativa e non perché io sia a favore degli estremismi; ancora meno sono una che non guarda in faccia nessuno. Credo nell’impegno però, ho una certa visione del mondo, di come le cose dovrebbero essere e non sono e di fatto tutto questo fa di me una non moderata.
    Quel che vedo è che molti si nascondono dietro questo termine per non assumersi responsabilità ben precise o per scendere a compromessi che non è il caso di fare.

  2. Moderato? Non so mi ha sempre dato la sensazione che i moderati siano quelli che vogliono tenere i piedi in due staffe.. Con questo non voglio sdoganare i fanatismi, ben inteso, credo solo che invece di “moderati”, avremmo bisogno di persone con molto buon senso.

  3. Ecco, è questa cosa per cui il termine moderato riporta subito alla testa una figura di stampo UDC che non capisco. Un moderato è per forza arrendevole e solo in appostamento davanti al carro più conveniente che passa da quelle parti? Non credo che, almeno secondo me, con il termine moderato si debba per forza intendere una figura che non è in grado di perseguire le sue idee e la sua linea con convinzione a favore di una convenienza personale o di comodo o peggio ancora di una linea populista. Anzi, credo sia possibile portare avanti una precisa linea facendo anche opposizione coerente e solida, solo però valutando al meglio la situazione evitando in certi casi un muro contro muro a tutti i costi che porti solo ad una ulteriore paralisi, e che (per molti una eresia) ove possibile e coerente, riesca a trovare un interlocutore affidabile nella parte opposta per portare a casa la risoluzione di determinati problemi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...