Fischia tu che fischio anch’io

Un tempo, nel mondo dello spettacolo, chi saliva su di un palco sapeva che, in caso di mancata conquista del pubblico, vi era la possibilità di fischi o, nel caso peggiore, di trasformarsi in una grande insalatona mista, di quelle che oggi vanno tanto di moda. Oggi, chi fa politica dovrebbe tenere conto di una simile possibilità, a maggior ragione se su di un palco ci si sale con alle spalle parole e azioni che hanno lasciato un segno nel dibattito, e non solo, del paese. In teoria dovrebbe esserci differenza tra politico e teatrante (senza voler essere offensivi per questo paragone nei confronti del teatrante a cui vanno tutti i miei rispetti), dovrebbe, se non fosse che negli ultimi venti anni il lavoro operato per assottigliare questo confine è stato molto intenso. In campo doveva essere schierato il politicamente corretto, il rispetto per l’avversario, il suo diritto ad esprimersi diversamente dalla nostra opinione, in virtù di quel principio democratico a cui tutti però si rifanno solo quando è il loro momento; dovevano esserci appunto, peccato che proprio loro, quelli che salgono sul palco pronti all’orazione politichese di turno siano i primi a circumnavigare abilmente queste convenzioni (e non solo, ed è qui che poi scatta lo scazzo) a proprio piacimento. Con questo non voglio giustificare determinate azioni atte a interrompere l’esercizio democratico della libera espressione, ne tanto meno il lancio di oggettistica varia pescata tra souvenir vacanzieri(vedi alla voce riproduzioni di monumenti) o attrezzatura da stadio (azioni queste, portate avanti sempre da gente che ha il cervello intaccato da guano di piccione) , sia ben chiaro. A mio parere la contestazione, non violenta, ci sta, meglio se dopo l’intervento, giusto per renderle almeno un alibi di qualche tipo. Ma non si provi ad intraprendere una caccia alle streghe quando i primi ad esercitare la “magia oscura” sono proprio i signori oratori politichesi che salgono sul palco e che delle “convenzioni democratiche” se ne sono sempre infischiati altamente.

Annunci

4 pensieri su “Fischia tu che fischio anch’io

  1. paz83 ha detto:

    Poi capito, il dissenso per il lancio di oggetti vari, tafferugli etc lo capisco e lo condivido, ma finita qui. Il resto lo hanno creato loro, allo stesso modo in cui hanno creato seppur involontatiriamente l’idv e il movimento a 5 stelle e le loro idee. Ecco.

  2. Chit ha detto:

    L’intelligenza deve metterla chi ce l’ha e sicuramente la gran parte dei “signori oratori politichesi” non ha dimostrato di averne molta in questi ultimi anni. Il giorno che poi chi gli va appresso e si mette pure a contestarli in modo incivile lo capirà sarà sempre e comunque troppo, troppo tardi!?!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...