Le paure del Governo

La tentazione ora, se le normative dovessero essere applicate realmente, sarebbe quella di pubblicare post da rettifica tutti i giorni per tenerli inchiodati al pc. Una sorta di guerriglia. Pensate a decine e decine di blog che muovano tutti nella stessa direzione: non potranno mica star li a controllarli tutti uno per uno. Ma questa è pura utopia, fantascienza, perché incredibile ma vero anche chi scrive su di un blog ha altro da fare, come lavorare ad esempio, oppure staccare un attimo dal web e concedersi un week-end di sana vacanza. Perché si, per molti, la maggioranza, questo è un hobby e non un lavoro. Un mezzo tramite il quale provare a dire la propria in maniera libera, una delle poche cose libere che ci sono ancora concesse. Ed è li che eventualmente proveranno a farci tana, per l’ennesima volta. Uno stato che ha timore della voce del cittadino comune è uno stato che ha paura, o almeno da l’idea di averne tanto da continuare a provare a mettere i paletti tra le ruote della libera espressione, allo stesso modo di cui ha paura della Magistratura e di chi fa le indagini, e una prova è forse il fatto che siano riusciti a far saltare anche la norma Falcone che avrebbe permesso una strada più rapida delle indagini sulle associazioni criminali e non solo perché garantiva anche per le organizzazioni criminali non mafiose le stesse procedure di indagine agevolate previste per le associazioni mafiose. Ma questo “stato” è quello che, ricordiamolo sempre, è stato votato e scelto dalla maggioranza del paese.

Annunci

Un pensiero su “Le paure del Governo

  1. Chit ha detto:

    Hanno usato la stessa tecnica di sempre, sventolare la mannaia, fare si che tutti si fissassero su quella per poi… lavorare di ‘bisturi’ con una precisione che lascia esterrefatti!?!
    Ma continuo a credere e sperare che anche se passerà troveremo qualcuno più in alto del nano, e non parlo come intelligenza e statura che ci vuol poco!, che bloccherà il tutto. Altrimenti vorrà dire che saliremo noi blogger sui tetti dei vari municipi e poi vediamo cosa succede 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...