Vado a fare le pizze a Bruxelles

Qualche giorno fa, sul treno, di ritorno dal Wordcamp di Milano mi è capitato di conoscere e scambiare due parole con alcuni ragazzi. L’età era all’incirca la mia. Inevitabilmente si è finiti a parlare di quello che succede oggi nel paese, di futuro, di possibilità e di lavoro. Già, lavoro. Così uno di loro racconta che presto partirà per Bruxelles, dove andrà a fare il pizzaiolo. All’inizio, ci dice, lo stipendio non sarà altissimo, e svela la cifra, a grandi linee, del suo futuro compenso che comunque posso assicurare è più alta della media delle buste paga percepite da un ragazzo con buona istruzione che qui in Italia svolge lavori anche più “qualificati”. Per quanto riguarda il cibo, perché bisogna pur nutrirsi, risolverà la questione mangiando direttamente nel locale dove andrà a lavorare, mentre per l’alloggio racconta che sarà inizialmente ospitato da un ragazzo marocchino e che poi si vedrà. Per una stanza o un monolocale servono alcune centinaia di Euro (sicuramente meno che in Italia, ma son sempre soldi) e al momento la cosa non è fattibile. Uno degli altri viaggiatori che discuteva con noi ha poi chiesto se fosse solo per lavoro estivo, ma la risposta che ha ricevuto è stata negativa. In Italia, ha detto, non si sa più dove girarsi, non va bene, e allora si prova altrove. E se comunque tutti abbiamo convenuto, doverosamente, che anche nel resto d’Europa non è che le cose vadano molto meglio è pur vero che forse qualche chance in più c’è il caso di trovarla. Che dire? Tanto coraggio hanno quelli che provano a cercare futuro altrove, e ugualmente tanto ne ha chi nonostante tutto decide di rimanere. Ad ogni modo vien da dire: altro che bamboccioni!

Annunci

4 pensieri su “Vado a fare le pizze a Bruxelles

  1. Cammillotto ha detto:

    Da tanti anni all’estero (proprio a Bruxelles) continuo a chiedermi: chi lascia l’Italia è coraggioso o fifone?

    Cmq in Belgio la qualità della vita è più alta, gli alloggi costano meno e si viene pagati meglio. Inotre, dopo un anno di contratto (belga) si ha diritto a un sussidio di disoccupazione qualora fosse il caso.

    Buon lavoro a tutti!

  2. mauro ha detto:

    non so chi tu sia ma penso di essere io quel ragazzo. cioè la storia è identica alla mia. sono a bruxelles già da 2 mesi ormai. me ne sono già successe mille ma sicuramente penso che di lavoro ce ne sia molto più che in italia. sono stato a casa di quel ragazzo marocchino per un paio di settimane e poi mi sono sistemato in un appartamento condiviso con una ragazza alla modica spesa di 266 euro mensili. ho cambiato già un pò di volte lavoro tra esperienze negative e positive e sfruttamenti vari fortunatamente ogni volta che ho lasciato si apriva sempre una nuova porta. chissà come andrà avanti se di porte nuove se ne apriranno ancora

    • paz83 ha detto:

      Se eri con il tuo amico (andavate ad un concerto a bologna), io ero quello sull’altro lato della carrozza, incastrato tra quelle bambine che correvano su e giù per il vagone 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...