2007-2010: Emergency Vs. Afghan National Directorate of Security capitolo secondo

Sono stati arrestati questi tre medici della cooperazione internazionale riconducibili ad Emergency.

Secondo quanto riportano i giornali ad arrestarli sarebbero stati i soldati della Nato-Isaf e della National Security afgana (i servizi segreti credo) in base ad una soffiata fatta alla polizia. Interpellati, quelli dell’Isaf dicono di non centrare, di chiedere agli Afgani. Ma poi c’è un video (quello dell’arresto) che mostra chiaramente soldati occidentali, che non è per razzismo o cosa, ma un soldato Afghano si distingue da uno Occidentale. Il governo Italiano (che sappiamo dice di essere sempre garantista, almeno con chi gli fa comodo) tramite la Farnesina fa però sapere per prima cosa che la struttura in cui operavano i tre e “ il progetto che l’associazione sta portando avanti nella provincia di Helmand non è finanziato dalla cooperazione ma ne ha ricevuto l’avallo” che a mio parere è un bel modo per mettere le mani avanti e tirarsene fuori puliti, salvo poi riconfermare il suo più alto riconoscimento al personale civile e militare italiano impegnato per le attività di pace in Afghanistan: decidiamoci però! Ora qui non si vuole parare il culo preventivamente a nessuno, ma nel pantano Afghano succedono spesso cose losche e realtà come Emergency da sempre sono scomode agli organismi militari, sopratutto ora che si preme sull’acceleratore per bonificare “a tutti i costi” la regione mentre sull’altro fronte, quello Iracheno si invocano tutti i santi perché la loro exit strategy funzioni in tempi ragionevoli. Vorrei ricordare che la mia sensazione di puzzo in questa storia è riconducibile ad alcune dichiarazioni avvenute nel 2007 (dichiarazioni che convinsero la ONG di Strada a spostarsi momentaneamente a Dubai per protesta) ad opera del Sig. Amrullah Saleh, che indovinate un po’ era responsabile dei Servizi di Sicurezza afgani. Ancora loro, che sorpresone. Cosa diceva questo signore? Semplice:

Amrullah Saleh, responsabile dei Servizi di Sicurezza afgani (a tutt’ora direi), in una intervista a un quotidiano italiano ripresa dalla stampa internazionale ha definito Emergency una organizzazione che “fiancheggia i terroristi e persino gli uomini di Al Qaeda in Afghanistan”. La vicenda era scoppiata dopo l’arresto di Rahmatullah Hanefi, responsabile proprio dell’ospedale di Lashkar Gah. Ma dai?

E ancora sul sito di PeaceReporter si leggeva, in una intervista a Carlo Garbagnati, vice presidente della ong, che:

A Lashkargah, Emergency era già considerata scomoda perché, con il suo ospedale gratuito, rovinava gli affari d’oro delle centinaia di cliniche private a pagamento che esistono in zona. Ma è stato con l’inizio dei bombardamenti della Nato nella regione che la nostra posizione è diventata più delicata per i motivi che ho detto. Motivi per il quali da mesi si erano create frizioni con il governatore provinciale Asadullah Wafa, con il personale dei servizi segreti afgani e con i locali comandi britannici della Nato.

Ecco, a Lashkar gah. Esattamente lo stesso posto dove sono stati arrestati i tre Medici. Ora, con tutti il beneficio del dubbio, e non per voler fare il complottista a tutti i costi: però delle autorità Afghane è sempre meglio diffidare, che in quanto a corruzione non li batte nessuno, e della logica degli apparati militari internazionali c’è da fidarsi ancora meno, dal momento che con la loro guerra inelligente hanno fatto più cazzate loro di un ritardato ubriaco alla guida di un monster truck sulla più trafficata super-strada americana nell’ora di punta.

Questo il video dell’arresto:

UPDATE ORE 20:47

Stando al times online :

Italians ‘confess’ to murder plot in Afghanistan

Staremo a vedere cosa succederà. Intanto pare che il sito di Emergency sia off

UPDATE: 12 aprile 2010

Adesso quelli dei servizi Afgani smentiscono di fatto quanto riportato dal times (vedi link nell’update precedente), ribadendo che le indagini sono ancora in corso.

Annunci

10 pensieri su “2007-2010: Emergency Vs. Afghan National Directorate of Security capitolo secondo

  1. Alba Rubinelli ha detto:

    IO STO CON EMERGENCY non solo in questo caso assurdo dell’arresto di 3 operatori sanitari italiani, ma sempre e comunque per l’impegno umanitario assolutamente unico al mondo che questa associazione svolge. Grazie per portare, almeno Voi, un pò di rispetto per il nostro Paese nel mondo, malgrado tutto il marcio nel quale siamo immersi. Grazie. Alba Rubinelli

  2. nadia maffii ha detto:

    E’ oltragioso solo pensare che un’associazione come Emergency i cui operatori sanitari ogni giorno salvano vite umane possano essere tacciati come filo- terroristi. Lo Stato dovrebbe essere orgoglioso di sapere che organizzazioni Italiane come Emergency lavorano per portare aiuto e sollievo a esseri umani non facendo distinzione ne di razza, ne di religione, ne di orientamento politico. Purtroppo anche negli ultimi episodi si tenta di screditare Emergency da parte di istituzioni che dovrebbero avere l’obbligo e il dovere di difenderli. Io sto con Emergency

  3. paz83 ha detto:

    Nadia sono completamente d’accordo. Lo stato dovrebbe sostenere Emergency, in generale l’associazione, poi se i singoli sbagliano andranno perseguiti. Ma uscire con frasi come quelle di oggi da parte di certi politici è stato a dir poco discutibile

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...