Kusturica e il cinema seriale

Qualche settimana fa ebbi l’occasione di assistere ad un incontro con Emir Kusturica a Modena. In quell’occasione disse un sacco di cose che ne confermano la genialità e il talento. Uno che ha ricostruito un villaggio rurale tradizionale serbo battezzato poi col nome di Küstendorf, usato anche come set e come luogo di eventi tra i quali il Kustendorf film and music festival, e che ha convinto Johnny Deep a recitare come Pancho Villa nel suo film di prossima realizzazione dal titolo Wild Roses, Tender Roses.

Del regista ci sarebbero da dire un sacco di cose a dire il vero, comunque ieri da Chiambretti dove era ospite, e non ha potuto dire cose più di tanto interessanti, hanno fatto vedere un filmatino (performance di apertura dell’edizione 2009 del suo festival) in cui Kusturica mette in scena il funerale al cinema seriale… Giù applausi, perché secondo me la serialità è una delle cose che più contribuisce ad uccidere il buon cinema e il buon gusto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...