Olimpiadeath

L’altro giorno dopo aver appreso della morte dell’alteta georgiano in quel tragico incidente ho pensato che durante la cerimonia d’apertura dei giochi olimpici vi sarebbe stato quanto meno un rinvio, una revisione dell’ultimo momento per renderla un po’ più sotto tono. Era dopo tutto uno di quegli eventi che viene seguito da miliardi di persone. Nulla di tutto ciò, solo un minuto di silenzio e lutto al braccio della rappresentanza connazionale dell’alteta e qualche lacrima di coccodrillo da parte dei capoccia olimpici. La risposta a questo atteggiamento è forse da ricercare in quella miliardata di spettatori incollati davanti allo schermo tramite cui sponsor, appaltatori e istituzioni dialogano e presentano il risultato finale (iniziale) dei loro investimenti e delle loro fatiche. Il biglietto da visita al mondo. Li per li mi sono indignato ripromettendomi di non seguire la programmazione degli eventi olimpici. Ma ieri sera intorno alle 24 mi sono ritrovato con alcuni amici davanti alla tv a seguire le gare che si svolgevano proprio sulla pista incriminata tifando per gli azzurri in gara. Non ci avevo nemmeno fatto caso. La normalizzazione della tragedia è ormati talmente penetrante nelle nostre vite da riuscire a cancellare in pochi attimi l’indignazione per l’irrispettoso atto. E, come mi ha fatto notare cinicamente (ma quanto mai veritiera come cosa) una mia amica, chissà quanta gente ieri si è messa a guardare quelle gare pensando magari di veder schizzare via qualcun’altro. Un po’ come nelle competizioni di formula uno dove cert’uni si guardano la partenza nell’attesa dell’incidente salvo poi cambiare canale dopo il 3 giro quando ormai si da per assodato che non accadrà più nulla di rilevante, e di chi vince poco importa perché non è ormai più di tanto funzionale allo spettacolo. Già, spettacolo: quando la tragedia viene normalizzata e trattata come semplice elemento funzionale alla competizione degli ascolti.

Annunci

One thought on “Olimpiadeath

  1. The show must go on, diceva il povero freddy Mercury che malato di aids dava esibizione. Sono stata colpita anch’io da come la notizia della morte dell’altleta abbia portato un ritorno pubblicitario alle olimpiadi, finora passate abbastanza sottosilenzio. La gente è sempre stata morbosa, la tv poi ci ha abituati ancora di più a consolidare questo modo di vedere le cose: come se nulla ci riguardasse veramente, e noi fossimo soltanto spettatori passivi della vita. Un vero schifo, eh?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...