Arriva il McItaly. Forza panino!

Giusto ieri ho visto la nuova pubblicità del McDonald’s, quella che sponsorizza il nuovo panino McItaly. Quando alla fine ho visto apparire il simbolo del ministero (si, come per le pubblicità progresso e le campagne per il sociale) mi son cadute le braccia. Come era possibile? Allora sono andato a cercare qualche informazione in giro perché davvero non riuscivo a capacitarmi di come il ministero delle politiche agricole potesse metterci la faccia in una questione del genere. Ho trovato sul sito del ministero questo passaggio di un intervento di Zaia:

“Questo progetto è l’occasione per i contadini italiani per immettere i loro prodotti in un nuovo segmento del mercato. Sarà anche un’opportunità per far conoscere a chi mangia nei fast food i prodotti di qualità della nostra agricoltura.”

Allora, da che mondo e mondo signori chef, nutrizionisti, medici, coltivatori e pure ministri della salute e politicanti vari ci dicono e ci hanno detto che il fast food non è che poi sia così salutare, che è sempre meglio un bel panino con la mortadella. Che anche in Italia stava nascendo un problema obesità tra i giovani. Ci si è sempre battuti per favorire il made in italy alimentare sia per qualità che genuinità. Andate nella pizzeria, andate a farvi un panino al mercato e via dicendo. A modena il Mc che era in centro ha chiuso da anni e si è spostato fuori, in compenso sono spuntati forni, pizzerie al taglio et simili preferiti dai ragazzi alla catena americana. E con ragione. Adesso il Ministero dice che il Mcdonald’s è l’occasione per creare una nuova nicchia di mercato. Ok, amettiamo che ci possa stare, se è vero che il marchio McItaly sarà presente anche nei ristoranti internazionali e che, se la materia prima sarà presa dall’Italia, il movimento di denaro sarà notevole. Ma siamo sicuri che spiaccicare due cremine in un panino sia il modo migliore per far conoscere i prodotti di qualità del made in Italy dopo tutto lo sbattimento di questi anni per il riconoscimento dei marchi dop, docp, dogp e chi più ne ha più ne metta? Se davvero, con tutti i problemi che ha l’agricoltura, abbiamo intenzione di far conoscere il gusto dei nostri prodotti attraverso la trasformazione di un panino da fast food non certo noto per le sue politiche di rispetto ambientale forse vuole dire che siamo alla frutta, e che almeno quella si salvi. E sono “contenti” Carlo Petrini e quelli di Slow Food che da anni si battono per l’opposto di quel che il signor Zaia sta facendo in queste ore. Il ministro è riuscito a far alterare anche il critico Gastronomico del Guardian, Matthew Fort (qui il blog), con cui c’è stato un pubblico scambio di battute al vetriolo.

Qui l’articolo tradotto apparso sul Guardian (fonte http://italiadallestero.info )

altro su Ansa, repubblica, corriere, agricoltura italiana online

Annunci

3 thoughts on “Arriva il McItaly. Forza panino!

  1. Pingback: Notizie dai blog su Troppo sale nel nuovo panino mcitaly di mcdonald's

  2. Pingback: Notizie dai blog su Da Mc Donald's arriva McItaly, panino italiano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...