In un paese così, dove la verità è sempre sotto la sabbia

In un paese dove solo ieri, ad ascoltare i tg, un ragazzino nato sotto il rumore di quei pezzi di muro che cadevano poteva ascoltare quei nomi, Banda della Magliana, collegato, nelle cronache, all’affaire Orlandi, fatti risalenti ormai a trent’anni fa, c’è da chidersi se le cose siano davvero normali. Se la verità, giudiziaria e non, riesca a trovare davvero pace.

In un paese dove un caso apparentemente banale di cronaca nera si tinge nella sua evoluzione di inaspettati retroscena, con un parterre di protagonisti degno del miglior giallista di tutti i tempi, da far accapponare la pelle, in una rincorsa di ipotesi e voci che di volta in volta svelano una “realtà” o addombrano una verità allontanandola sempre più, creando falsi miti di cronaca e solidi muri protettivi per i veri responsabili, c’è da chiedersi quale direzione nel bivio debba prendere di volta in volta la verità, e se ad essa, per cinico gioco, non venga suggerita la direzione sbagliata.

E allora è difficile capire se quello che ci troviamo davanti sia realmente il vero, o solo una suggestione, magari indotta, per comodo o per DNA di questa Italia. L’anormalità sta nelle incredibili congiunzioni astrali (giudiziarie) tra potere e male, dove il male inteso, spesso, si manifesta sotto forma di delitto, o apparente tale. Esso alza il vento delle ipotesi smuovendo la sabbia e ricoprendo la verità.

In un paese dove solo oggi, ascoltando i tg, un ragazzino nato sotto il rumore di quei pezzi di muro di cui avrebbe sentito solo un vago eco parecchi anni dopo, può ascoltare quella notizia, di quella transessuale morta, Brenda, collegata indissolubilmente al caso Marrazzo, si evince che quella formula, quella incredibile congiunzione, tra Male e Potere, è ciclica, come un virus influenzale, che nel tempo è riuscito a rinforzarsi tanto da scavalcare facilmente i flebili anticorpi e il cui vaccino è, ancora una volta, ricoperto da quella sabbia smossa dal vento.

In un paese così, c’è da chiedersi quali siano i reali confini di realtà, verità e giustizia. Buon fine settimana a tutti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...