Non sono d’accordo con te, quindi ti defollowo

tomorrow is another day

Mi è capitato, ultimamente molto spesso, di leggere tra i commenti nelle discussioni che si sviluppano intorno ad un contenuto (che sia link ad un post o altro) aggregato su friendfeed cose che suonavano più o meno così: “mi dispiace che la pensi diversamente, ecco perché qui e ora decido di disiscrivermi da te” e questo nei casi in cui i toni riescono a mantenersi tutto sommato placati.

Ecco, allora io penso, alla faccia della diversità d’opinione, del differente punto di vista, del confronto su idee diverse nel web, tanto vaticinato da tutti a gran voce, come il vero traguardo democratico di cui si avrebbe un gran bisogno, ma che poi cerca cerca…

Nella realtà, sempre più spesso, ce ne freghiamo tutto sommato del punto di vista diverso dal nostro, per quanto critico o gridato sia. La questione, mi ricorda molto quelli che quando ti chiedono che giornali leggi e tu gli rispondi Repubblica, ma anche il Giornale o Libero, ti guardano come se fossi un pericoloso nazifascista. Ma perché? Dove è lo sbaglio? Non è forse producente confrontare diverse idee? Quasi ci fosse la paura di una contaminazione del nostro pensiero puro, indottrinato.

La cosa divertente è poi che, chi millanta una epurazione 2.0 lo grida al mondo, con attegiamenti così caricaturalmente drammatici da ricordare alcune scene d’amore dei film anni ’40 o ’50. Braccio sulla fronte, voce rotta, sguardo che in uno scatto d’orgoglio si gira, evitando di incrociare quello dell’amato che da li a qualche secondo verrà bidonato. Ti amo, ma tra noi non potrà mai funzionare, e allora preferisco lasciarti ora, prima che tu, burbero amante, possa traviare le mie doti di giovinciuella di sani principi. E badate bene, non succede solo quando a tirar il pelo della discussione è la politica.

Se decido, per i più svariati motivi, di non seguire più una persona, lo faccio e basta, senza stare ad affiggere manifesti melodrammatici. Non siamo mica davanti alla sacra rota o a qualche avvocato divorzista. Se dovessi defolloware tutti quelli che la pensano diversamente da me, o che postano tette, culi, patate, micetti con l’aids e cartelli quando non ho voglia di averli tra i maroni adesso sarei con un solo contatto msn, e non cagherei manco quello perché forse prefeirei, a quel punto, passare il mio tempo su youporn.

Annunci

9 thoughts on “Non sono d’accordo con te, quindi ti defollowo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...