Rai, di tutto ma non tv

Alla Rai, e non lo dico io, ma gente assai più competente, non serve gente che sappia fare politica, ma gente che sappia fare tv, e che quindi metta in primo piano gli interessi dell’azienda, sia strategici – oggi fondamentali se si vuole conquistare fette di mercato – sia economici. La vicenda Rai-Sky, con l’uscita dell’azienda pubblica dalla piattaforma satellitare, la questione Digital Key che ora fa dannare Masi e quella del decoder unico sono tre tra i tanti esempi. L’idea, che poi non è un idea, ma un dato di fatto, che in Rai viga una strategia più politica che incentrata sul creare prodotti competitivi da porre sul mercato la dice lunga. E fino a che non si capirà che forse sarebbe meglio lasciare certe poltrone a chi ha un idea chiara del cosa voglia dire fare televisione ci toccherà sentire e leggere sempre i soliti discorsi.

Annunci

2 thoughts on “Rai, di tutto ma non tv

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...