Un bavaglio alla rete?

Di allarmi lanciati più o meno attendibili nei riguardi della libertà di informazione e d’espressione ne sono stati lanciati tanti, e visti i tempi che corrono c’è poco da star tranquilli. Ieri il frate capuccino, padre Giorgio Butterini.  Oggi Zambardino dal suo blog mette in guardia, riprendendo un articolo di Guido Scorza e uno di Giuseppe D’Avanzo.

Un bavaglio alla rete lo metteranno ma non è quello denunciato dal frate cappuccino, che nessuno conosce, all’agenzia Agi ieri pomeriggio. Il bavaglio lo denuncia Guido Scorza, giurista e”advocate” di rete: col testo che passa oggi con la fiducia alla Camera, quello sulle intercetttazioni telefoniche, arriva anche per i “siti informatici” – e quindi in prospettiva per i blog – l’obbligo di rettifica entro 48 ore e in mancanza di tale adempimento una pesante pena pecuniaria

Annunci

4 pensieri su “Un bavaglio alla rete?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...