Marco Polo, della veridicità delle fonti e dell’autorevolezza

polo

Dell’autorevolezza, della veridicità delle fonti e della loro provenienza, del questo è farina del mio sacco e questo invece no, se ne parla sempre. Oggi più che mai. Se ne può trovare un bellissimo esempio. Basta andare indietro di qualche annetto, molto prima della stampa di informazione, anni luce prima del web e della rivoluzione dell’informazione. Intorno al 1300 circa, o poco prima. Nelle prime righe de Il Milione, di Marco Polo, che si intenda, non era certo giornalista e che quelle precisazioni avrebbe certo potuto evitare, volendo (ed è questo ad avermi colpito). Nessuno mai se ne sarebbe accorto. Se non i suoi compagni di viaggio per altro parenti.

Signori imperadori, re e duci e tutte altre genti che volete sapere le diverse generazioni delle genti e le diversità delle regioni del mondo, leggete questo libro dove le troverrete tutte le grandissime maraviglie e gran diversitadi delle genti d’Erminia, di Persia e di Tarteria, d’India e di molte altre province. E questo vi conterà il libro ordinatamente siccome messere Marco Polo, savio e nobile cittadino di Vinegia, le conta in questo libro e egli medesimo le vide. Ma ancora v’à di quelle cose le quali elli non vide, ma udille da persone degne di fede, e però le cose vedute dirà di veduta e l’altre per udita, acciò che ‘l nostro libro sia veritieri e sanza niuna menzogna.

Altri tempi. Di prima della nascita dell’editoria e del giornalismo collocate intorno alla fine del 1400 circa con le prime pubblicazioni di carattere periodico. Le prime pubblicazioni a carattere giornalistico arrivano invece intorno al 1600. Oggi siamo nel 2009. Sono passati circa 600 anni e siamo ancora qui a discutere dell’autorevolezza, dell’affidabilità, della loro provenienza e della veridicità delle fonti e di quanto viene scritto e di quanto leggiamo.

Annunci

6 thoughts on “Marco Polo, della veridicità delle fonti e dell’autorevolezza

  1. Discutere sull’affidabilità dell’informazione è comunque necessario, altrimenti rischiamo di prendere tutto in maniera dogmatica e perderemmo il nostro senso critico.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...