In Italia tutti con l’acqua alla Gola

fantozzinuvolaOvviamente ancora latitante dal web e dai vostri blog, per ovvi motivi, come avrete notato.  Questa settimana, a pensarci bene, si poteva intuire nel suo andamento. Quel Tevere che saliva sempre più e che minacciava di sommergere ogni cosa in quel di Roma, simbolo della politica mica a caso, doveva far intuire la tendenza dei giorni a seguire. Tutti con l’acqua alla gola. E nessuno si salva. Si parte con le nuove voci, più concrete che mai sulla crisi; ci dicono che dal 2009 saranno cazzi ancora più amari per i lavoratori e non solo, poi si continua col Pd, prima sconfitto in Abruzzo, e poi decimato nelle sue rappresentanze locali su e giù per l’Italia causa tangenti, apparentemente, ma anche no. Si continua con le indagini a Napoli che l’acqua alla gola la mettono un po’ a tutti se pensiamo che persino Rutelli  e il Vaticano si sono scomodati per dire che no, loro non centrano nulla con tutta la faccenda e che mai hanno avuto rapporti con L’imprenditore Romeo. E nemmeno si è fatta menzione a loro ancora, ne a Rutelli, ne tanto meno al Vaticano. Vaticano che per un giorno si lancia in dichiarazioni storicamente appartenenti alla politica, e che lascia l’onore del veto “etico?” quanto mai tempestivo a Sacconi che lancia una frecciatina, che definirei più lancia che freccia, alle regioni Autonome per quanto riguarda la questione dell’interruzione di alimentazione a persone ridotte allo stato vegetativo. Leggesi Eluana Englaro e famiglia, e la città di Udine, come destinatari della subdola missiva. Che rapidità ministro. Quasi mi compiaccio per una volta dell’efficienza del governo in termini temporali. Peccato che l’abbia fatta fuori dal vaso.  La differenza tra il caso Englaro e altri casi simili? Banalmente nessuna o quasi. In questo caso la differenza è che il padre ha avuto la forza di fare le cose alla luce del giorno, e non solo per sua figlia, ma per sensibilizzare l’opinione pubblica. Ben conscio del duro e lacerante percorso che l’avrebbe aspettato. Molti altri, non per codardia, ma forse per minor forza, anche fisica (perché ce ne vuole tanta) preferiscono farlo nel silenzio. Secondo voi non vi sono stati e non vi sono e non vi saranno altri casi simili? Solo lo si fa e basta, e nessuno lo viene a sapere, probabilmente lo si fa anche in Italia. Sono scelte, in questo caso coraggiosa. E guai a chi dice che è solo per pubblicità come mi è capitato di sentire in un discorso intercettato per caso. Mi piacerebbe sapere cosa vorrebbe Sacconi se fosse in quello stato.  E in ultimo, parlando di acqua alla gola, ancora, parlando di ultimi momenti di vita, prima di venire sommersi, non si può non citare la masnada di boss e meno boss che grazie a cielo si sono fatti cappellare. A dimostrazione, ancora una volta, che lo strumento delle intercettazioni telefoniche e ambientali sono strumento ormai fondamentale per scoperchiare le magagne qui nella penisola. E gli ultimi 4 o 5 giorni dovrebbero averlo dimostrato più o meno  a tutti. Gli antichi Egizi propiziavano la piena del Nilo, affinché arrivasse a inondare i terreni limitrofi lungo le sue sponde. Sapevano che una volta avvenuto il deflusso delle acque sul terrno sarebbe rimasto il Fertile limo scuro, fertile, pronto a rigenerare nuova vita nei campi. Questo era fondamentale per la sopravvivenza. Sincieramente, metaforicamente almeno, mi auguro una esondazione che porti via lo schifo e lasci fertile e democratico limo sulla nostra penisola. A presto

Annunci

4 thoughts on “In Italia tutti con l’acqua alla Gola

  1. Mi sembra ormai chiaro che siamo messi molto peggio degli antichi Egizi!?!?
    Piccola precisazione: quando venerdì sera ho sentito del Tevere ho chiamato un mio amico della Protezione Civile che mi ha rassicurato dicendo che la piena era in ritardo, riuscivano a gestirla senza problemi (in città almeno) e che tutto era sotto controllo. Erano le 20, ora del Tg, forse i “giornalisti” erano impegnati nelle dirette. Ebbene, avessero fatto una telefonata anche loro forse, almeno stavolta, si evitavano l’ennesima figura barbina!
    Si sono dimenticati che a Natale puoi…. 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...